Il Consorzio di Tutela dell’olio Dop Umbria a OlioOfficina Festival

Il Consorzio di Tutela dell’olio Dop Umbria a OlioOfficina Festival a Milano. Tema del Festival: l’‪‎Avanguardia‬. Ad attendere il pubblico del grande happening milanese, un incontro promosso dal Consorzio di Tutela, un tema insolito dal titolo “UAO! Umbria Architettura Olio” che coinvolge il presidente del Consorzio, l’Accademia Belle Arti di Perugia, un docente di restauro architettonico e un agronomo e capo panel umbro. Inoltre due degustazioni di olio Dop Umbria dallo stile insolito.

C’è tutta una progettualità dietro. C’è la volontà di andare oltre il consueto, di ripensare il mondo dell’olio e riformularlo con un nuovo stile. L’olivicoltura, con la sua costante espressione di coltura tradizionale, ha segnato le diverse epoche storiche, stimolando sempre nuove avanguardie, le quali nel tempo hanno messo in discussione valori e concetti già definiti per ridefinirli ex novo.

L’Umbria ha un carattere solido, forte della sua secolare storia legata a santi, frati francescani e monaci benedettini. Per guardare al futuro senza restare immobili, sono necessari nuovi approcci. Anche agronomici. Anche architettonici.

E’ fondamentale nello stesso tempo concepire un nuovo modo di progettare quello che possiamo definire qualcosa di già acquisito e sperimentato da tante generazioni: il genius loci, nel caso specifico il genius loci dell’olivo e dell’olio.

BizStudio-lite Theme by SketchThemes